Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Sostegno alla transizione digitale delle imprese dell’Emilia Romagna

Il nuovo Bando rivolto alle PMI della Regione Emilia Romagna prevede l’erogazione di contributi a fondo perduto pari al 40% della spesa ammessa e fino a € 150.000,00 a supporto di progetti innovativi finalizzati ad introdurre o implementare tecnologie digitali nei processi organizzativi e produttivi prestando attenzione non solo agli impatti economici ma anche a quelli ambientali e sociali.

Contributi a fondo perduto per la transizione digitale delle PMI dell’Emilia Romagna

 

BENEFICIARI

PMI regolarmente costituite e con unità locale o sede operativa nel territorio della Regione E.R. 

 

INTERVENTI AMMISSIBILI

Sono agevolabili gli interventi finalizzati alla trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e organizzativi aziendali e dei prodotti, con particolare riferimento all’implementazione di soluzioni digitali nelle catene di fornitura, vendita ed e-commerce, distribuzione di beni e logistiche, nei processi di erogazione dei servizi, nei sistemi di comunicazione e di marketing.
E potranno riguardare:

  • Digitalizzazione Base: implementazione di soluzioni tecnologiche finalizzate a favorire un primo passo verso l’ottimizzazione delle funzioni aziendali
  • Digitalizzazione Avanzata: introduzione/implementazione di almeno una delle 9 tecnologie abilitanti previste dal piano nazionale impresa 4.0 (Internet delle cose, Big data analytics, Integrazione orizzontale e verticale dei sistemi, Simulazioni virtuali, Robotica, Cloud computing, Realtà aumentata, Stampanti 3d, Cybersecurity).

Investimento minimo pari a € 20.000,00.

 

SPESE AMMISSIBILI

  • Acquisto di strumenti, attrezzature, macchinari hardware, software, soluzione cloud computing e SAAS – Software as a Service(spesa obbligatoria)
  • Piccoli interventi edili, murari e di arredo strettamente collegati e funzionali all’installazione di strumenti, macchinari e attrezzature (max 10% della voce a) e comunque non oltre a 10.000 €)
  • Consulenze specialistiche (max 30% di a) e b) e comunque non oltre a 20.000 €)
  • Costi generali per la definizione e gestione del progetto, compreso addestramento del personale per l’acquisizione delle nuove competenze (max 5% forfettario di a), b) e c)).

 

DURATA PROGETTO e PERIODO VALIDITA’ SPESE

I progetti potranno essere avviati a partire dal 1° luglio 2022 (fa riferimento la data di accettazione del preventivo) e conclusi entro il 31 dicembre 2023.
Fatture e pagamenti potranno avere data ricompresa tra il 1° luglio 2022 e fino al 28 febbraio 2024 (termine ultimo per la rendicontazione delle spese).

 

CONTRIBUTO

Fondo perduto fino al 40% della spesa ammessa e comunque nel limite di 150.000,00 €.
La percentuale può salire al 45% nei casi in cui l’impresa:

  • Preveda l’assunzione di personale con competenze ICT o di organizzazione aziendale
  • Si qualifichi come femminile e/o giovanile
  • Sia in possesso del rating di legalità
  • Sia localizzata in Aree Montane, o aree comprese nella carta nazionale degli aiuti di stato a finalità regionale (Aree 107), o nelle Aree Interne individuate dal bando.

 

REGIME DI AIUTO

I contributi sono concessi nell’ambito del “Regime de minimis”.
Possibilità di cumulare i contributi con altre agevolazioni pubbliche non configurabili quali aiuti di stato.

 

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA

Tramite l’applicativo web Sfinge 2020 in due sportelli:

  1. Dal 13 settembre 2022 al 20 settembre 2022: per i progetti che prevedono almeno il 20% della spesa nell’anno 2022
  2. Dal 21 settembre 2022 al 20 ottobre 2022: per i progetti che prevedono spese solo nell’anno 2023.

I progetti saranno selezionati mediante procedura valutativa a sportello (si ipotizza click-day).

Alla domanda è necessario allegare:

  • Un breve video di presentazione dell’impresa e di descrizione del progetto
  • Un documento (check list), redatto da un soggetto aderente la rete regionale per la transizione digitale delle imprese dell’E.R. (es. Digital Innovation Hub, Centri per l’innovazione e centri di assistenza tecnica) attestante la situazione digitale dell’impresa e la ricaduta attesa dal progetto.

 

 

Reggio Emilia, 18/07/2022